Ethics and Food (Milan)

ethicsandfood_2015-02-19


Prof. Dr. Dr. h.c. Julian Nida-Rümelin

L’etica (filosofica) non può limitarsi all’elaborazione di astratti criteri di valutazione dei comportamenti, ma deve invece fare riferimento a modi di vivere concreti. Di più, gli standard della valutazione morale sono la conseguenza di norme e valori condivisi che trovano espressione in modelli di vita concreti. Il modo nel quale ci nutriamo e nel quale i generi alimentari vengono prodotti ha indubbiamente un ruolo determinante nella formazione di nuovi modi di vivere. Ciò vale ugualmente in una prospettiva storica, basti pensare al passaggio dalle culture di cacciatori-raccoglitori alle culture improntate sull’agricoltura, fino ad arrivare all’agricoltura industriale moderna e all’allevamento intensivo.

Interrogativi etici si pongono riguardo alle seguenti tematiche:

1. Responsabilità personale (per la salute e il modo di vivere nel suo complesso)

2. Responsabilità nei confronti degli altri soggetti

3. Responsabilità nei confronti delle generazioni future

4. Responsabilità nei confronti degli animali

5. Responsabilità in termini di utilizzo delle risorse e tutela dell’ambiente

La relazione intende essere una riflessione e uno spunto di discussione su questa dimensione di responsabilità delle abitudini alimentari delle persone.

Ladies and gentlemen,

Welcome to “Cultural Entrepreneurship – Ethics and Food”, our conference in Milan 2015!

This event offers women and men from the world of economics, politics and IT a platform to explore and debate the links between ethics and IT. Our aim is to build bridges between philosophers, entrepreneurs, and the general public, paving new roads to success for all concerned. In this interdisciplinary, intercultural context, you will have an opportunity to listen to pioneering spirits or to present your innovative company.

By coming together, all our participants will play their part in a global renaissance which combines an ethical impact with economic viability.

The conference is open to anyone interested, admission is free. We look forward to meeting you.

For full details of our terms and conditions and how to register, please click here.

Kind regards

Dr. Clara Mavellia

Further Information of the Conference “Ethics and Food” 2015 (Milan)

Ethics and Food 2015 (Milan)

Con il patrocinio di

Logo Comitato Scientifico+CdM HD


About us

Cultural Entrepreneurship: An introduction

1. The Institute for Cultural Entrepreneurship

Our aim at the Institute for Cultural Entrepreneurship is to help stimulate interaction between economics and philosophy and open up new perspectives for everyone involved. It means basing profit projections on longer-term aims than quarterly reports, and an approach that goes beyond money to take on board, for example, carbon footprints, or financial models that provide creative artists with a decent livelihood. It also means fostering brilliant ideas at the interface of different sectors and disciplines (the Medici effect).

At a time when everyone is talking about ethics and every corporate website has one link to its philosophy and another for innovation, we invite the public at large to join our conferences and other activities in pursuit of Cultural Entrepreneurship, to discover and discuss ethics and humanism, and to explore the many things which entrepreneurship can achieve. Meet some of the many people with ethical, innovative business ideas in all walks of life, people who are already working towards the good life in one way or another, some of them under quite adventurous conditions, and most of them turning over a profit, too.

At these international, interdisciplinary conferences, with simultaneous interpreting into various languages, experts, students and other interested parties have the opportunity to exchange their ideas and end the day with fresh energy.

If students, trainees, and founders of start-ups, whatever their field of expertise or sector of industry, are interested in ethics, entrepreneurship, art and culture, and much more, their admission fees will be paid by companies who feel they have a social responsibility to help spread such ideas and have therefore agreed to support our event in this way.

The next conference “Cultural Entrepreneurship – Ethics and Food” will be held in Milano on 19 June 2015.

Another of our projects aims to give literary expression to economic, environmental and political issues. It will benefit the fields in question, literature in general and, of course, readers.

We would be delighted if managers would invite artists to spend some time in their companies, tracking signs of the new things emerging around them.

And sooner or later the Porsche driver who buys organic will gravitate towards both a holistic lifestyle and a new car, becoming a more discerning consumer, promising economic and ecological rewards for the generations of today and tomorrow.

We know from game theory that, when we find ourselves caught in the prisoner’s dilemma, cooperation pays off for all sides. In the same spirit, by working towards Cultural Entrepreneurship we can contribute to a global Renaissance which makes an ethical impact and is nonetheless commercially sound.

This concept, then, has a role to play, with real depth and even a little glamour, by showing us a way out of the economic crisis and addressing the widely lamented loss of social values.

For all concerned, 20 years after the fall of the Wall (but not only in Berlin) this ultimately means a chance to shape the economy and the arts in a creative manner, in the knowledge that they are also doing something for future generations. What is a fulfilling life, of not that?

2. Freedom and justice

In a liberal democracy, neither God nor Caesar makes and enforces the law: We do, the citizens.

This is because our democracy is based on ethical principles such as freedom and justice for all, although sometimes we seem to forget that.

Understanding and personal development in politics, philosophy, literature, art, music etc. are only possible under democratic conditions. They thrive on peace, freedom and justice, as in the Ancient polis and in the Renaissance – in any society where people are equal or have the same opportunities.

2.1. Women and men

We need every man and every woman of every generation. As Aristotle would say, many people reach an age when they can and should give something back to society, fulfilling their civic duty by shaping their social and natural environment.

For a long time we have been living on borrowed resources, not just financially, but ethically and intellectually, too – Greece, after all, was the cradle of the Western world – and now it is time to tap our hidden reserves, each and every one of us in our own field and social function. Our intellectual and emotional resources are unlimited!

2.2. Philosophy and economics

At the interface of philosophy and economics, “cultural entrepreneurship” provides the perfect framework. We want nothing less than to take those hackneyed clichés, the “greedy manager” and “the destitute poet”, blend them, and then integrate the often lacking female dimension. The result will be far more rewarding for all parties.

Imagine the permutations: “the greedy poetess”, “the poetic manager”, “humanist management” …

The challenge now is to equip ourselves with information and rediscover our cognitive resources, and – with care and a little humour – to exercise pre-emptive responsibility by building a good life for ourselves and future generations.

3. Ethics in the market economy [1]

People have been talking about corporate culture for three decades now, although the moral sensitivity of companies and managers still leaves much to be desired. At the same time, however, we increasingly witness companies and leaders who understand that risks are not always economic or environmental, but that they can just as well be ethical, and that the latter can have a disastrous impact on a company’s success, even threaten its very survival.

It is a fact of life that morality is seen as potentially restricting a company’s profits. But that is an inaccurate assessment when we consider that companies without sound value management can even be excluded from major projects. We want ethics to be treated as an opportunity to gain a distinct profile. Ethics are a resource that should be fully mobilised for the sake of corporate success.

In order for markets and competition to deliver for real people, there has to be a robust and globally effective framework, because in a market economy prosperity does not depend on the goodwill or moral motives of the actors. At the end of the day, the principal motive is always the financial incentive, or self-interest.

But it is also a fact that a market economy without a framework, i.e. unbridled competition in the absence of law and morality, leads to an unbearable state of affairs, the one Hobbes had in mind when he wrote: “the life of man solitary, poore, nasty, brutish, and short” [2].

Unlike politicians and NGOs, companies can actively engage in creating a socially acceptable order within the global economy, thereby taking responsibility for the long term.

This is because, by investing in real and human capital as well as corporate culture, they are laying the foundations for sustainable yields in line with market requirements, while at the same time ensuring good profits for their shareholders; and where companies do have such policies, this is already reflected today in strong stock market prices.

However, if companies want to take part in building this incipient global order, they must be consistently transparent about what they do.

The good thing about all this is that good deeds pay off, because in the long term morality and the pursuit of profit converge.

4. Cultural Entrepreneurs

If we take a look at the economy, the financial chaos and the greed for profits of recent years, we are amazed by the reticence of creative industries and cultural entrepreneurs.

With a few shining exceptions among artists, musicians and art directors, the (sub)cultural field is still awash with many dedicated and usually poorly paid entrepreneurs performing invaluable work for the theatre, art, music, literature, history and so forth. They generously give their skills and talents, and whether they are creating something new or preserving traditions, for society as a whole the rewards are lasting. They do not seem to heed the time their efforts absorb, and they work according to their own rhythms. Many are derided for it, and some envied. Not all are successful in the financial sense. Their driving force is their passion.

They enrich their fellows with amazing insights, moving emotions and aesthetic experiences, and thanks to them reality seems better and more beautiful.

But it would be a miracle if culture was not first in line when the usual cuts begin to bite.

With cultural entrepreneurship, we not only hope to counter this attitude, but we also hope to develop financing models (e.g. an unconditional basic income) that will allow all creators of culture and cultural entrepreneurs to earn a decent livelihood.

5. The Medici effect [3]

Anyone operating at the intersection of disciplines and cultures can easily combine existing concepts and generate a large number of extraordinary new ideas.

The name of this phenomenon, the “Medici effect”, refers to an explosion of creativity that took place in 15th-century Italy.

The Medici were a Florentine banking dynasty who attracted creators from many different disciplines to Florence and funded their works.

Thanks to the Medici family and a few other like-minded patrons, Florence became a place where scientists, poets, philosophers, financiers, painters, sculptors and architects could come together and collaborate.

They had an opportunity to learn from each other and thus the barriers between their respective skills and expertise were broken down: Together, they created a whole new world of new ideas that was to become known as the Renaissance.

The result of this cooperation between different specialists was a creative explosion and one of the most innovative periods in human history.

Indeed, we can still feel the impact of the Medici today.

We too can create such a Medici effect, by bringing together different disciplines and cultures and identifying the interfaces which connect them.

It is not so much the Renaissance that matters here, but rather the elements that made that era possible, and how they can be used to generate extraordinary ideas – in other words, what happens when, at the intersection of different disciplines and cultures, we discover brilliant ideas that are brought to light and given life.

The most fertile soil for innovation is the intersection of many different disciplines which do not really have anything in common – and yet, when they are seen from the other’s cultural perspective, unexpected new subjects and synergies open up.

The ideas we find at this intersection are logical, but their logic cannot be grasped until we suspend our usual cognitive approach and enter into risky terrain, because creativity comes from the unknown, rather than the opposite.

Most of the achievements of recent decades have their origin in combining disciplines and expertise, from biophysics and biogenetics to computer linguistics and palliative medicine, to name but a few.

6. The Outlook for Cultural Entrepreneurship

Although the ethics of science and corporate social responsibility have been the subject of many a symposium and conference, these ideas can only be truly and sustainably brought to life if they reach pupils, students and all interested citizens.

Just as the Renaissance still affects us today, these important impulses will spread far and wide and a long way into the future, throwing up new questions of their own.

In order to discuss these, and perhaps shed light on some of them, each year the Institute for Cultural Entrepreneurship invites renowned academics and experts to the Freie Universität in Berlin to speak about ethics and the opportunities for doing good [4] in all disciplines, business sectors, cultural circles and artistic fields, and to explain the relevant theories. After these lectures, the audience participate through Q&A sessions.

At these events, budding founders of start-ups can find out more about the innovative potential of entrepreneurship and meet some exemplary entrepreneurs.

Finally, a selection of individuals from the business community will elaborate on their own experience of translating these theories and their own ideas into everyday commercial reality.

All in all, the (young) women and men in the audience will have a chance to explore both the theories as well as their practical application; and they will take away information about entrepreneurship to use in their own lives and careers – a seed than can germinate, blossom and eventually be passed on in turn.

Moreover, the interdisciplinary, transcultural approach offers everyone a glimpse of the good life on our planet and the personal potential he or she can tap.

Our aim is to encourage this integration and intersection of people, values and competences, and beyond this to set in motion a global Renaissance in a peaceful, free and fair world – in other words, nothing short of ecological, economic and emotional prosperity.

Dr. Clara Mavellia

Berlin, 26 October 2010

[1] Cf. Homann, Karl, Ethik in der Marktwirtschaft, Munich: Roman Herzog Institute 2007

[2] Hobbes, Thomas (1651), Leviathan, Oxford: Clarendon Press 1909

[3] Cf. Johansson, Frans, The Medici Effect. What Elephants & Epidemics can teach us about Innovation, Boston: Harvard Business School Press 2006

[4] Cf. Vossenkuhl, Wilhelm, Die Möglichkeit des Guten. Ethik im 21. Jahrhundert, Munich: C.H. Beck 2006


Speakers

Amistani primo piano

Dr. Alvise Amistani

Nato a Guarda di Montebelluna ( Treviso) il 20.03.1958
Vissuto a Venezia , Treviso e da 34 anni residente a Padova .
Studi classici con formazione storico-letteraria ,dal Liceo Classico alla Facolta di Lettere Antiche con indirizzo Archeologico, laureain Archeologia Paleoveneta e Museografia. Master in Gestione Aziendale.
Dalla “nascita” inserito nelle attività agricole e vitivinicole di famiglia seguendo le varie proprietà vitivinicole a Conegliano , Valdobbiadene e Montebelluna .
Da più di 35 anni titolare della Azienda Agricola Alvise Amistani che opera nella produzione di uve e vini ad alta specializzazione territoriale. Uve autoctone quali prosecco,bianchetta,perera,boschera a bacca bianca, carmenere ,malbek e raboso a bacca rossa . Contemporeaneamente grandi impegni ed investimenti per salvare, tutelare e valorizzare i siti,luoghi ed edifici storico-monumentali di famiglia ed acquisiti, legati alla identità territoriale e funzionalità agrovitivinicola della Pedemontana Trevigiana.
Per 12 anni presidente del Consorzio di Tutela Vini Montello e Colli Asolani, del Consorzio Treviso DOC ( Unione dei 4 Consorzi di tutela della provincia di Treviso), Consigliere di U.Vi.Ve. ( Consorzio regionale che unisce tutti i Consorzi di Tutela del Veneto ). Amministratore Unico di altre due società , Van Dyck srl e Alvise Amistani Guarda Soc. Agricola srl che svolgono attività immobiliare-gestionale e di produzione-commercializzazione di prodotti vinicoli e agroalimentari. Socio del Rotary International da 20 anni, per due mandati presidente del Club territoriale di Montebelluna (TV) e convinto rotariano con lo spirito del “servire al di sopra dei prorpi interessi”.
Da più di 20 anni ideatore visionario del Progetto Capolavoro ,con il quale opera per la valorizzazione,salvaguardia- tutela,del patrimonio culturale ,archeologico-architettonico, storico-identitario ,e dei prodotti agroalimentari e tradizionali compresi oltre ai vini , per tramandare e fare rivivere le eccellenze dell’Alto Trevigiano . Profumi e saperi dei
” Sapori della Memoria” .
annamaria

Anna Maria Corazza Bildt

Anna Maria Corazza Bildt è membro del Parlamento Europeo. Italiana naturalizzata svedese, fu eletta come eurodeputata italiana nel giugno del 2009 e successivamente come eurodeputata svedese nel maggio del 2014 con le preferenze del Partito di coalizione moderata, un partito politico di centro destra. Siede nel gruppo del Partito Popolare Europeo PPE. Nel Parlamento Europeo è prima vicepresidente della Commissione mercato interno e protezione dei consumatori (IMCO), vice-coordinatrice del suo gruppo in seno alla Commissione Diritti della donna e uguaglianza di genere (FEMM) e fa parte della Delegazione alla commissione di cooperazione parlamentare UE-Ucraina. È inoltre membro sostituto della Commissione Libertà civili, giustizia e affari interni (LIBE) e della Commissione parlamentare mista UE-Turchia. Si occupa principalmente di migrazione, mercato unico digitale e cibo e alimentazione.
brandi

Prof. Maria Luisa Brandi

Full Professor of Endocrinology, University of Florence, Medical School, Florence, Italy

Education/Training Positions: MD, University of Florence, Florence, Italy, 1977; School of Specialization in Endocrinology, University of Florence Hospital, 1977-1980; National Institutes of Health (NIH) Visiting Scientist in Metabolic Diseases, Metabolic Diseases Branch, NIH, Bethesda, Maryland, USA, 1984-1990; Ph.D. in Cell Biology, University of Rome, 1988; Assistant, Associate and Full Professor of Endocrinology, University of Florence, 1990-to present; Director, Regional Center on Hereditary Endocrine Tumors, University Hospital of Florence, 1998-to present; Director Clinical Unit on Metabolic Bone Disorders, University Hospital of Florence, 2007-to present; Delegate, Italy/USA Academic Interactions, Florence University, 2000-2003; Director of the University Master on Metabolic Bone Disease: From the Gene to the Cure, University of Florence, 2004-to present; Scientific Director, DeGene Spin-off, University of Florence, 2005-2009; President, Fondazione Italiana Ricerca sulle Malattie dell’Osso (F.I.R.M.O.), 2006 – to present; Consultant for the Tuscany Region on Osteoporosis 2008 – to present; Member of the Commission for Osteoporosis of the Italian Ministry of Health 2009 – 2011 .

Honors and Awards: Roussel Italia Award, 1988; The European Foundation Award, 1989; Schering Award, Italian Endocrine Society, 1990; The Sandoz Foundation for Gerontological Research Award, 1991; Helena Rubinstein Award “Women in Science”, 1998; Italian Endocrine Society Senior Award, 2003; AILA Award, 2004, Pierre Delmas IOF/ESCEO Prize 2013.

Current Research: Genetics and Clinics of Osteoporosis; Pathogenesis of Parathyroid Disorders; Multiple Endocrine Neoplasia; Genetics of Paget’s Disease of Bone; Bone Cell Biology; Epidemiology of Osteoporosis; Bone Inherited Disorders.

barbaracarfagna canot

Dr. Barbara Carfagna

Barbara Carfagna, giornalista di TV7 e Speciale TG1; conduttrice del Tg1. Collabora con la rivista e il giornale online “Formiche”, il settimanale “Panorama” e il quotidiano “Il Foglio” su temi di ICT, filosofia etica e governance di internet. Laureata in lettere all’Università “La Sapienza” di Roma con 110/110. Figlia del chitarrista classico Carlo Carfagna ha studiato per dieci anni violino al conservatorio “S.Cecilia” di Roma.

Ha ideato, cura e conduce la “pillola” informativa di due minuti “infosfera” su Raiuno il sabato mattina e su Raiweb: elementi di filosofia, economia, politica digitale spiegati da e attraverso i monumenti storici italiani

Dal 1995 in RAI, inizia l’attività giornalistica nella redazione di Rai 2 L’Altra Edicola, sul mondo dei libri e l’editoria, Rai 3, formandosi televisivamente alla scuola Format di Giovanni Minoli, per cui lavora a Mixer. Nel 1998 è inviata di cronaca nella rubrica del TG1 Prima. Sotto la direzione di Albino Longhi passa a TV7 e Speciale TG1, seguendo i principali fatti di cronaca italiana e relaizzando speciali in Etiopia, Niger, dove ha realizzato reportages sull’espansione dell’Islam fondamentalista, Nigeria, dove ha intervistato in esclusiva Safya, la donna condannata alla lapidazione per adulterio, Sudafrica, Cambogia, dove ha realizzato documentari storici e sul traffico di bambini, Germania sul neonazismo nell’ex Germania est. Per Rai Educational ha prodotto e realizzato reportages sulle colonie francesi in Africa. Ha collaborato con Unomattina nell’edizione condotta da Monica Maggioni, Porta a Porta e Chi l’ha visto nell’edizione condotta da Federica Sciarelli. Nel 2004 Clemente Mimun la porta nella redazione cronaca del TG1, dove la assume nel 2006. Segue le principali inchieste di cronaca nera e giudiziaria italiana e i misteri d’Italia. Gianni Riotta le affida la conduzione del tg1 e la rubrica Italia italie sui temi dell’immigrazione.

Lavora per le rubriche Tv7 e Speciale TG1, con particolare attenzione alla divulgazione scientifica, alla filosofia, e all’economia digitale.

IMG_4496 sw 02

Prof. Dr. Günter Faltin

Il Prof. Dr. Günther Faltin ha fondato il dipartimento di Entrepreneurship presso la Freie Universität Berlin.
Nel 1985 costituisce la Projektwerkstatt  per lanciare l’idea della Teekampagne. È promotore e sponsor del progetto del WWF per la riforestazione della regione del Darjeeling in India.
Nel 2001 ha costituito la Fondazione  Entrepreneurship con l’obiettivo di promuovere la cultura dell’imprenditoria responsabile.
Il Prof. Faltin è stato spesso invitato come professore ospite in Asia e ha partecipato a molti seminari scientifici e workshop in più di 20 Paesi. Ha creato un laboratorio per promuovere le ideee di imprenditoria innovativa, Labor für Entrepreneurship, ed è un Business Angel di start-up di successo. Faltin ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il premio tedesco dei fondatori d’impresa Deutscher Gründerpreis nel 2009. Nel 2010 gli viene conferito l’Ordine al Merito della Repubblica federale di Germania Bundesverdienstorden in qualità di „Pioniere del pensiero imprenditoriale in Germania”.
Il suo libro„Kopf schlägt Kapital“ (L’ingegno batte il capitale), pubblicato nel 2008, è un laboratorio di idee per Entrepreneurs, imprenditori responsabili, dal quale apprendere come trasformare un primo lampo ingegnoso in un modello ben elaborato.
La sua opera più recente dal titolo “Wir sind das Kapital“(Noi siamo il capitale), è uscita nel febbraio 2015
È uno dei pochi professori della sua disciplina che riesce nell’intento di applicare la la teoria alla pratica.
“Abbiamo l’opportunità di costruire un mondo migliore. Un mondo più buono, allegro, sensibile e creativo di quanto sia mai stato possibile. Ma dobbiamo mettere noi stessi in gioco per dargli vita, realizzarlo in prima persona. Non possiamo lasciarlo da solo in balia di chi mira unicamente alla massimizzazione dei profitti.”
Günter Faltin
michelle running

Dr. Michelle Harvie

La dottoressa Michelle Harvie è una dietista e ricercatrice del Genesis Breast Cancer Prevention Centre, il centro di prevenzione del cancro al seno dell’Ospedale Universitario di South Manchester. Si è specializzata in dietologia nel 1991. Le sue attuali ricerche riguardano la dieta ottimale e le strategie motorie per la prevenzione del cancro al seno ed altri disturbi legati al peso. Autrice di più di 30 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed, nel 2005 ha ottenuto il Rose Simmond’s Award dell’associazione dietetica britannica per la sua ricerca sull’aumento di peso tra pazienti affette da cancro al seno e sottoposte a chemioterapia adiuvante. Nel 2011 ha ricevuto il premio Association Study Obesity National Best practice award per il suo lavoro sulle diete a restrizione intermittente di energia . È la sperimentatrice principale in tre studi clinici attualmente in corso per testare la dieta intermittente in diverse popolazioni: lo studio B-AHEAD-2 su pazienti affette da tumore della mammella sottoposte a chemioterapia adiuvante; lo studio B-AHEAD-3 su pazienti affette da tumore alla mammella metastatico sottoposte a chemioterapia e lo studio PROCAS-lifestyle sulla prevenzione del tumore alla mammella nelle donne sane affette da sovrappeso/obesità e inserite nel programma di screening nazionale per il cancro al seno. Un altro, lo studio BRRIDE-2, confronta gli effetti della dieta a restrizione intermittente di energia con quelli della dieta a restrizione quotidiana di energia sul grasso epatico e pancreatico in donne obese. Dr. Harvie ha pubblicato tre guide pratiche sul come seguire una dieta intermittente: The 2 day diet (Ebury, febbraio 2013); The 2 day diet cook book (Ebury, aprile 2013) e una versione di semplice consultazione, la quick and easy edition (Ebury, febbraio 2014). Tutti gli introiti dell’autrice sono devoluti al Genesis Breast Cancer Prevention charity. http://www.genesisuk.org/
maveillia

Dr. Clara Mavellia

Clara Mavellia, di Milano (Italia), ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca presso la Freie Universität di Berlino, dove poi ha lavorato come docente universitaria e giornalista. Da settembre 2005 ad aprile 2008 ha viaggiato regolarmente tra Berlino e Monaco di Baviera per frequentare il master universitario in Filosofia, Scienze politiche ed Economia (PPE), corso interdisciplinare di formazione manageriale, presso la Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco. Nel marzo 2010 ha fondato a Berlino il Cultural Entrepreneurship Institute con l’ intento di attivare l’interazione fra filosofia ed economia, fra etica e business. L’istituto diffonde informazioni su come applicare il principi dell’etica nella prassi quotidiana e incoraggia l’ interazione fra etica e business: a questo scopo promuove tra l’ altro conferenze internazionali, interdisciplinari e intersettoriali – nel 2013 ad esempio la conferenza Etica e Viaggi presso la Freie Universität di Berlino (Germania) e all’università di Göteborg (Svezia), nel 2014 la conferenza Etica e IT presso la Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco di Baviera. Clara Mavellia inoltre incontra ed intervista personalità internazionali particolarmente attive ed impegnate su questi temi. Le conferenze e le interviste vengono filmate, tradotte e messe in rete video in inglese, tedesco e in italiano su ceberlin, il canale YouTube del Cultural Entrepreneurship Institute Berlin.

https://www.youtube.com/user/ceberlin

I video dell’Istituto hanno una grande risonanza su YouTube, e Clara Mavellia si augura di poter essere fonte d’ispirazione per sempre più persone, sensibilizzandole all’idea di integrare principi etici nella vita quotidiana. Come fondatrice dell’Istituto di imprenditoria culturale e responsabile, Clara Mavellia offre consulenza professionale per aziende, organizzazioni ed istituzioni, assistendole nella messa a punto di strategie basate sulla sostenibilità economica, ecologica, sociale ed etica. Inoltre è una relatrice/keynote speaker molto richiesta in convegni e congressi internazionali di diversi settori e discipline.

Claus

Claus Meyer

Claus Meyer è nato a Nykobing Falster, in Danimarca, nel 1963. Con il „Manifesto della cucina nordica“ ha inteso modificare le abitudini alimentari scandinave attraverso la rivalutazione dell’agricoltura locale, il rispetto per l’ambiente e piatti innovativi dall’inconfondibile identità nordica. Per diffondere queste idee è apparso ripetutamente in TV, ha pubblicato vari libri e ha fondato, insieme a René Redzepi, il celebre ristorante „Noma” a Copenaghen.
Come ebbe modo di apprendere in Francia, cucinare non significa nutrire solamente il corpo, ma anche l’anima. La sua missione è quella di instaurare una propria e nuova cultura locale del gusto e di rendere l’intelligenza emotiva una componente essenziale dell’espressione culinaria nei paesi nordici.
Non si stanca mai di cercare come sposare il bene con il buono, e per questo ha avviato svariati progetti e imprese che ruotano intorno al cibo. Con la sua fondazione “Melting Pot“ agisce in tutto il mondo, ha tra l’altro creato un nuovo movimento e una nuova cultura alimentare in Bolivia, ove ha aperto il ristorante gourmet “Gustu”.
presse_jnr

Prof. Dr. Julian Nida-Rümelin

Julian Nida-Rümelin, insieme a Jürgen Habermas e Peter Sloterdijk, è uno dei maggiori filosofi viventi tedeschi. Il suo libro Die Optimierungsfalle – Philosophie einer humanen Ökonomie (2011) ha dato adito ad un intenso dibattito in molte aziende su come l’etica possa giocare un ruolo nel raggiungimento del successo economico.

Innumerevoli i suoi interventi presso piccole imprese ed istituti finanziari su tematiche diverse, come la responsabilità nella governance, il rischio etico e la motivazione dei collaboratori.

JNR dirige il Centro interdisciplinare di Etica dell’Università di Monaco di Baviera ed è portavoce dell’Executive Master in Filosofia, Economia, Politica.

Dirige inoltre il gruppo di lavoro “Finanze ed Etica” dell’Associazione tedesca degli analisti finanziari. È membro del comitato consultivo della Daimler AG che si occupa di “Integrità e responsabilità sociale delle imprese” e presidente del comitato scientifico della Parmenides Academy GmbH, un think tank per la formazione e la consulenza di dirigenti aziendali sui quesiti etico-filosofici.

Per un periodo di cinque anni (1998-2002) si è occupato di cultura in campo politico, inizialmente in qualità di assessore alla cultura di Monaco, capitale della Baviera, e successivamente quale ministro della cultura nel primo governo Schröder.

Julian Nida-Rümelin ha pubblicato sino ad oggi numerosi libri dedicati alle tematiche della filosofia pratica e della teoria politica, tra i quali ricordiamo: Kritik des Konsequentialismus (1993), Economic Rationality and Practical Reason (1997), Ethische Essays (2002), Angewandte Ethik (2005), Demokratie und Wahrheit (2006), Philosophie und Lebensform (2009) e la trilogia edita da Reclam su “Rationalität” (2001), “Freiheit” (2005) e “Verantwortung” (2011). Di ultima pubblicazione sono: Risikoethik (2012), Der Sokrates-Club – Philosophische Gespräche mit Kindern (2013), Philosophie einer humanen Bildung (2013), Der Akademisierungswahn – zur Krise beruflicher und akademischer Bildung (2014) e Auf dem Weg in eine deutsche Bildungskatastrophe – Zwölf unangenehme Wahrheiten (2015).

I suoi discorsi politici sono riassunti nel volume Humanismus als Leitkultur (2006).

Su Nida-Rümelin è uscito da ultimo Vernunft und Freiheit – zur praktischen Philosophie von Julian Nida-Rümelin (2012), a cura di Dieter Sturma.

Unbenannt1

Piero Prenna

Nato a Taranto nel 1964, con un background di gestione amministrativa presso una azienda pubblica pugliese, completa i suoi studi tecnici con un percorso formativo come informatico che nel 1997 lo porterà a lavorare in qualità di addetto alle vendite, analisi vendite, monitoraggio e controllo obiettivi di vendita presso l’ufficio commerciale della Comunità di San Patrignano. In particolare la sua attività si è successivamente concentrata nell’ambito vitivinicolo, che ha ulteriormente approfondito con studi adeguati in questo settore, conseguendo nel 2003 il diploma di Sommelier con l’Associazione Italiana Sommelier, delegazione di Rimini. La sua carriera è proseguita con continue evoluzioni in ambito professionale che lo hanno portato ad essere il Responsabile Commerciale del settore vino, spaziando anche nelle attività ad esso collegati, occupandosi anche della commercializzazione dei prodotti agroalimentari della Comunità. Come tutte le attività che la comunità di San Patrignano svolge, l’aspetto economico e commerciale si coniugano inevitabilmente con l’aspetto sociale. Tutte le attività, se da un lato contribuiscono alla sostenibilità economica della comunità, dall’altro sono un efficace strumento formativo per il percorso dei ragazzi e il loro successivo reinserimento sociale. La commercializzazione e la comunicazione inerenti alle nostre produzioni, rappresentano il punto cruciale del suo lavoro e con queste caratteristiche deve essere veicolato il messaggio. I prodotti agroalimentari della comunità vengono venduti in tutto il mondo e testimoniano con la loro qualità, il successo di un progetto sociale che pone al centro il riscatto dell’uomo.
piersergio_socialnetwork

Dr Piersergio Trapani

Imprenditore. Laurea in Economia Aziendale a Modena. Ha fondato nel 1999 Gruppo36 – Sartoria digitale Srl, una azienda di consulenza digitale. Nel 2001 riceve il premio Philippe-Morris. Nel 2006 lancia Divina Piadina con sua moglie Francesca – primo punto di una catena di piadinerie artigianali. Dal 2008 è consigliere nazionale Assintel- Confcommercio. Dal 2014 è vice-presidente dei giovani imprenditori di Confcommercio Milano.

Dr. Paolo Signorini

page1image5416

Petra Wadström

Petra Wadström, di nascita Tengzelius, è nata a Stoccolma nel 1952. Ha quattro figli.
Ha inventato il dispositivo Solvatten ed è CEO della società Solvatten AB.
Ricercatrice nel campo della biochimica medica presso l’Istituto Karolinska in Svezia, dopo un’attività di ricerca di alcuni anni presso il Biozentrum di Basilea, ha deciso di dedicare la sua attenzione all’arte, il design e l’innovazione.

“L’essere artista mi ha aiuatata enormemente a pensare fuori dagli schemi, coniugando gli elementi della ricerca e della creatività. Credo che la mia passione per le soluzioni intelligenti che realmente migliorano la vita derivi dal mio spirito pratico”. Petra Wadström.

Unbenannt

Dr. Francesco Zingari

Laureato in odontoiatria e p.d. presso l’Università di Milano (2005), si è diplomato presso la scuola odontotecnica di Milano (1993). Socio della SIDP e dell’AIOP, dal 2005 è libero professionista presso il reparto di chirurgia maxillo-facciale dell’Istituto Ortopedico Galeazzi (IOG) di Milano e dal 2009 responsabile del servizio clinico dell’ANDE (Associazione Nazionale Displasia Ectodermica). Autore di pubblicazioni e relazioni scientifiche nazionali e internazionali, la sua pratica clinica è incentrata su chirurgia ricostruttiva, implantologia e protesi.
Logo Electric Blue

Electric Blue

ELECTRIC BLUE è una band che nasce nel 2002 con la passione per la musica blues, attingendo dalla grande musica nera che ha la sua anima a New Orleans dove i ritmi allegri dello Swing e melanconici del Blues sono colorati dall’eleganza e dallo stile e dal ritmo. Per celebrare l’EXPO 2015 suoneremo alcuni brani swing degli anni cinquanta, rinnovando l’ atmosfera di un’Italia che dopo la Liberazione anche grazie ai ritmi che venivano dall’America ha ritrovato il sorriso.
Unbenannt

Dr. Tiziana Russo

L’approccio definitivo di Tiziana Russo, in arte TITIA, al mondo dell’immagine avviene attraverso gli studi di antichità classica e di archeologia greca e romana. Laureatasi con Lode in Lettere Classiche presso l’Università degli Studi di Milano, si abilita all’insegnamento superando brillantemente il concorso abilitante (SSIS) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Oggi insegna con passione materie letterarie nei Licei, operando spesso una transcodificazione dei linguaggi: dalla parola delle fonti greche e latine alla potenza dell’immagine che si nasconde nella dimensione archeologica. Un passato remoto ed arcaico emerge da sabbie fini e minerali, che si mescolano alle tonalità del bronzo e del rame, e trova un soffio vitale nelle sue tele intese come uno scavo archeologico “una malinconica e disperata ricerca delle nostre radici”.

Programma

10:00 – 11:00 Registrazione
11:00 – 11:30 Dr. Clara Mavellia, Cultural Entrepreneurship Institute Berlin
11:30 – 11:40 Dr. Barbara Carfagna, Giornalista RAI
11:40 – 12:00 Dr. Francesco Zingari, Servizio Clinico ANDE
(Associazione Nazionale Displasia Ectodermica)
12:00 – 12:10 Dr. Tiziana Russo
12:10 – 12:30 Prof. Maria Luisa Brandi, Università Firenze, Credits4Health
12:30 – 12:50 Anna Maria Corazza Bildt, Eurodeputata, MEP
12:50 – 13:00 Electric Blue, Music Performance
13:00 – 14:00 Pausa
14:00 – 14:20 Dr. Alvise Amistani Guarda, Soc. Agricola, Progetto Capolavoro
14:20 – 14:40 Dr. Piersergio Trapani, Divina Piadina
14:40 – 15:00 Piero Prenna, Fondazione S. Patrignano
15:00 – 15:30 Pausa
15:30 – 16:30 Prof. Dr. Julian Nida-Rümelin
16:30 – 17:00 Conclusione Dr. Clara Mavellia
Art Exhibition Dr. Tiziana Russo
Music Performance Electric Blue

Videointerview

26.03.2015 Claus Meyer, Co-Founder Noma Restaurant, Copenhagen
17.04.2015 Dr. Paolo Signorini, Owner Caesar Augustus Hotel, Capri
15.05.2015 Prof. Dr. Günter Faltin, Teekampagne, Stiftung Entrepreneurship
20.10.2015 Dr Michelle Harvie, Research Dietitian, Genesis Breast Cancer Prevention Centre, University Hospital Manchester
18.08.2015 Petra Wadström, Founder/CEO Solvatten, Stockholm

Location:

Palazzo Bovara: Corso Venezia, 51, 20129 Milano, Italien


Partners

Partners are entrepreneurs from any business sector who are helping to build a better world with their ethical and/or innovative business idea or product. Our motto – “Do good and spread the word” – is your opportunity to tell others about what you are doing. The format resembles an Italian piazza during the Renaissance: you will cross paths with artists, scientists and visitors, start chatting and exchange stimulating ideas. Mixing ideas from different walks of life is the best basis for successful creativity! You will be helping to shape our global market place in a way that makes both an ethical impact and economic sense.

To propagate these ideas, it is important that students and trainees from all disciplines and fields who would like to know more about ethics and entrepreneurship can take part in the event free of charge.

Partners are companies who offer to assume the costs for these students and trainees to attend, because they feel they have a social responsibility to spread the concept of sustainability at an early stage.

In this Spirit: It would be much appreciated if you could support this event with a contribution of €5,000 plus VAT.


Iscrizione

Ingresso libero. Per registrarsi scrivere a: info@cultural-entrepreneurship.de


Presentazione

Presentazione

Top